11 dicembre 2008

Gli AC/DC nacquero nel 1973 in Australia, tra i fondatori della band devono essere annoverati i due storici chitarristi di origine scozzese, i fratelli Angus e Malcom Young. Fu proprio la sorella di questi ad ideare il nome AC/DC traendo ispirazione da una scritta presente in un elettrodomestico.

L’incontro tra i fratelli Young ed il cantante Bon Scott, anch’egli di origine scozzese, avvenne in seguito e fu del tutto casuale.
I fratelli Young, infatti, non erano soddisfatti del loro cantante Dave Evans e stavano cercando un sostituto. Così, Scott, che aveva già avuto esperienze in altri gruppi rock e che in quel periodo stava lavorando come autista di autobus per gli stessi AC/DC, si propose come cantante del gruppo e ne ottenne il ruolo.

Nel 1976 gli AC/DC parteciparono in qualità di supporto dei Kiss, degli Aerosmith e dei Blue Öyster Cult durante i tour nel Regno Unito e in Europa .

Nel 1979, con l’uscita dell’album “Highway to Hell”, gli AC/DC ottennero il primo grande successo internazionale, entrando nella top ten inglese e nella top 20 americana. Mentre, la canzone “Highway to Hell da cui ricevette il nome l’album, entrerà in seguito tra le 500 canzoni più importanti della storia del rock secondo Rock and Roll Hall of Fame.

Il 19 febbraio 1980, nel pieno del loro successo, gli AC/DC subiranno, però, una tragica perdita.
Dopo una serata trascorsa abusando di alcol, il cantante Bon Scott si addormentò all’interno dell’automobile di un amico, dove passò sdraiato le quindici ore successive. Quando Bon Scott arrivò all’ospedale di King's College a Londra era già deceduto.
Secondo il verdetto medico si trattò di intossicazione acuta da alcol, altri sostennero invece che si fosse trattato di soffocamento dovuto al suo stesso vomito.

A questo punto, si prospettava lo scioglimento della band, ma, Angus e Malcom si fecero forza, decisero di provare nuovo materiale e di cercare nel frattempo un nuovo cantante.
La ricerca, però, non si rivelò facile: diversi cantanti rifiutarono l’offerta del gruppo, altri, invece, non vennero ritenuti all’altezza.
La scelta alla fine ricadde su Brian Johnson, del quale il gruppo era venuto a conoscenza grazie ad una segnalazione pervenuta da un fan.

Se con la tragica morte di Scott per gli AC/DC si concluse un’era caratterizzata dall'appena acquisita notorietà mondiale, con l’arrivo di Johnson ne cominciò un’altra, durante la quale gli AC/DC hanno saputo costruire, sulle fondamenta poste in precedenza, una serie di grandissimi successi.

Il 25 luglio 1980, infatti, uscì l’album “Back in Black”, dedicato al cantante scomparso, mentre nell’autunno dell’anno successivo fu la volta di “For Those About to Rock” (“We Salute You”).
Se “Back in Black” fu l’album che consegnò gli AC/DC alla storia del rock e probabilmente il loro miglior lavoro, “For Those About to Rock” (“We Salute You”) fu, invece, l’album che portò per la prima volta la band in vetta alla classifica americana e che li rese il gruppo rock più popolare del mondo.

Gli anni successivi furono caratterizzati invece da un’alternanza di alti e bassi, che si concluse nel 1990, quando, con il disco “The Razors Edge”, arrivò un altro strepitoso successo.

Il 17 ottobre 2008, dopo le uscite di “Ballbreaker” (1995) e di “Stiff Upper Lip” (2000) (un album dai ritmi e dalle sonorità molto vicine al blues), è stata la volta di un’altra attesissima uscita, quella del disco “Black Ice”, che ha proiettato gli AC/DC al primo posto nelle classifiche di 29 Paesi (per la prima volta anche in Italia). Il disco è stato commercializzato per l’occasione in quattro versioni, tre delle quali differiscono per la copertina, che può avere il logo rosso, giallo o grigio, ed una quarta variante ad edizione limitata, che contiene un booklet aggiuntivo di 30 pagine, la cui copertina è contraddistinta dal logo blu.

In quest’ultimo periodo, la febbre per la band australiana/britannica è salita alle stelle; basti pensare che il concerto previsto per il 19 marzo 2009 al Datchforum di Assago (Milano) ha registrato il tutto esaurito in soli 50 minuti (una media di 200 biglietti venduti ogni minuto).
Per tale motivo è stata fissata una replica per il 21 marzo, ovviamente, anche quest’ultima ha fatto registrare il tutto esaurito nell’arco di brevissimo tempo.

Gli album degli AC/DC hanno venduto oltre 200 milioni di copie in tutto il mondo, 71 milioni nei soli USA.
Tra questi va segnalato ovviamente “Back in Black”, che, con circa 43 milioni di copie vendute in tutto il mondo, 22 milioni delle quali negli USA, è ritenuto il secondo disco più venduto di sempre ed il primo per un gruppo rock. Mentre, per “Black Ice”, che si prevede possa raggiungere le 10 milioni di copie entro la fine dell’anno, alcuni prospettano un successo pari a quello ottenuto da “The Razors Edge” o dallo stesso “Back in Black”. (fonti: Wikipedia, AC-DC Italia e TgCom)

Di seguito vi propongo i video di alcune canzoni degli AC/DC:


Video di Higway to Hell (con Bon Scott)


Video di Back in Black, anch'essa entrata tra le 500 canzoni più importanti della storia del rock secondo Rock and Roll Hall of Fame


Video di Rock 'N Roll Train (Black Ice)

12 commenti:

Posta un commento

Desy ha detto...

Ma dai, il gruppo è nato nel mio stesso hanno!!!
Non sono appassionata di musica rock, ma alcune loro canzoni mi piacciono molto.

Un bacione mio caro Errì!!! Smack!

Attentialweb ha detto...

Molto bello questo cd!
Ps. Non trovo dove hai messo il link del mio blog....
Ciao.
Roby

xtravaned ha detto...

Fantastici AC/DC.. Uno dei gruppi che ha fatto la storia del rock, stile inconfondibile e, soprattutto, voce inimitabile. Praticamente immortali..

èrri ha detto...

desy: Ciao carissima, un ottima annata allora!
Pensavo che ti piacesse invece il rock. Magari più avanti scrivo qualcosa anche su un altro genere.
Un abbraccio

Attentialweb: Anche me piace molto, mi è piaciuto anche Stiff Upper Lip, che forse è stato un pò meno compreso dal amanti del genere.
Per il resto, ho posto subito rimedio. Mi dispiace per il disguido. Ciao!

xtravaned: Quoto in toto quello che hai scritto. Grandissimi. Ciao!

Desy ha detto...

Ciao carissimo grazie per "l'ottima annata"!!!
Buona serata e baci!!

Marco Crupi ha detto...

Ciao mi piace molto il tuo blog, è interessante, mi piacerebbe uno scambio link con te.

Ti inserisco trai blog preferiti ;)

èrri ha detto...

Ciao desy, buona serata anche a te!

Ciao Marco Crupi, sono felice che ti piaccia il mio blog. Ho inserito anch'io il tuo link. Grazie. A presto!

Francesco De Paolis ha detto...

Bellissimo questo blog! Ti va di fare scambio link con il mio blog di racconti?

Il link:

http://zuppadivetro.blogspot.com

(ti ho già linkato)

Giovanni Greco ha detto...

Spero che questi giorni possano portare a tutti noi pace e serenità. BUONE FESTE!

Desy ha detto...

Ciao dolcissimo Errì, passo x lasciarti con sincero affetto i miei immensi auguri di Buon Natale x te!!!
Un caldo abbraccio e auguri!!

èrri ha detto...

Grazie a tutti. Auguroni!

Anonimo ha detto...

Hanno???magari un'h in meno ehh??..azzz ...